Il Settimo Senso news
Entry N°: 1172084
Last Access: 2019-08-20 16:26:20  
02/2014
Data di lettura dati Server: 20-08-2019 - 16:26:25
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
file audio: 690-insostenibileleggerezza.mp3
   
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro
 
   
 
Elenco articoli pubblicati

Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
| entra |
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Natale di crisi
| entra |
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Bitcoin la moneta invisibile
| entra |
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Pannelli solari e pale eoliche
| entra |
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Un Pionierismo di nuova specie
| entra |
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Disorient Express di Cinzia Leone
| entra |
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Menu di Natale
| entra |
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
L'ortica in cucina
| entra |
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Virna Lisi
| entra |
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Pino Daniele è….
| entra |
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
| entra |
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Desidero un disco che racconti di me Intervista a Karima
| entra |
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
| entra |
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Il vernacolo, come fonte d'ispirazione teatrale Intervista a Simonetta De Leo
| entra |
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Parigi
| entra |
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Buon Natale
| entra |
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
ROMA - ULTIMA PARTE
| entra |
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Aspettando il Natale...
| entra |
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apiterapia e propoli
| entra |
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Elenco rubriche

| A spasso intorno a... |
| Angolo della fede |
| Appunti di Viaggio |
| ARTEFACTUM |
| Articolo di fondo |
| Attualità |
| Avvenimenti |
| Ciclopassione |
| Curiosità |
| Editoriale |
| Eventi |
| Gastronomia |
| Grandi Amori |
| I Miti del Cinema |
| I Miti della Canzone |
| Imparare elettronica |
| Intervista |
| La posta del cuore |
| Librarsi |
| Lo scrigno dei romanzi perduti |
| Misteri |
| Oroscopo |
| Pensieri e parole |
| Perle Italia |
| Pillole di letteratura |
| Poesie |
| Profili di citta |
| Racconti |
| Recensioni cinematografiche |
| Recensioni teatrali |
| Sanità e dintorni |
| Trekking |
| Ve lo dico in rima |

Elenco collaboratori

 

id: 690
Rubrica: La posta del cuore
Redattore: Francesca Maiuri

Titolo: Ritorno ad amare - presentazione rubrica

Come questa favolosa canzone, lascio che “all’arrivo dei miei sensi” sia il mio cuore ad aprire… “, con me basta poco, dopo troppo riascoltare il canto e “tiro fuori da me, ciò che ho lasciato dentro”…
Mi consenta l’artista, Biagio Antonacci; autore della canzone “Ritorno ad amare”, di aver preso in prestito il titolo di questo brano e le parole, oggi ed ogni volta che si toccherà il fondo, perché penso che ognuno possa, solo dopo aver trovato la "botola" del proprio nascondiglio segreto; del doppio fondo, riuscire a risalire con la forza di quell’amore che smuove l’intero universo!
Ed è l’amore per l’amore, che mi fa tornare a scrivere senza mai più sentirmi stretta in me stessa.
Mi basta un giorno per dire: “Ti amo”.
Mi basta un giorno per dire che sono felice…
Mi basta un giorno per ritrovare la gioia che la vita ci concede, come il sorriso sul volto di un bambino, assaporando proprio nelle piccole gioie di ogni giorno, la linfa vitale che echeggia nelle orecchie, come questa meravigliosa canzone.
“Ritorno ad amare”, nessuno e tutti, soprattutto me stessa!


Sentire il vento che soffia freddo sulla pelle, sul collo scoperto, sentendo il soffio della vita.
Riscaldarmi con una doccia calda dopo una giornata faticosa e ritrovare il piacere del tepore di casa per non ritrovarsi più sola, anche se nel salotto non c’è alcun uomo stravaccato sul divano che richiede la cena. Come il nervo scoperto di un dente che duole, laddove la lingua dei maligni batte, l’invidia ti segue e le favole non si raccontano più.
Eppure resto l’eterna Candy Candy, convinta che dietro il burbero Terence ci sia un cuore d’oro, che segue il suo cuore come nel libro di Susanna Tamaro, senza che siano illustri citazioni a dettare il tempo della sua vita, ma solo ancora quel battito che all’unisono segna il tempo che guarisce le ferite. Impaziente e paziente, allegra e malinconica, sorridente e triste, che ride e fa ridere, che si commuove davanti ad una foto ricordo, o ad un messaggio. Sarò sempre un’eterna contraddizione, che non si esime mai dal sognare l’abito da sposa, o la casetta con il giardino e due bambini che giocano con il cagnolino di casa, o che s’immagina ai fornelli della cucina, a preparare succulenti pietanze, per quell’uomo sul divano che guarda la TV, senza accorgersi che ho cambiato pettinatura, ma che, in ogni caso, continua ad amarmi per quella che sono, ride per la mia autoironia sui ravioli decisamente salati, che sa apprezzarmi, anche perché, in fondo sono forte come una roccia e fragile come un fiore. L'uomo che mi sa proteggere con un abbraccio e richiamarmi con uno sguardo, che m’insegna ad essere sicura e che si ritiene fortunato perché sono accanto a lui.
Allora, quale occasione migliore, se non quella di raccontarsi ogni giorno, cogliendo le mille sfumature della vita, trovando l’incipit di un nuovo racconto?


E proprio io, tra le mille risate del caso, sono qui a dispensare modesti consigli per confortare chi soffre. Non sia mia presunzione trovar rimedio, ma solo avere il consenso di trovar riposo tra i mille pensieri.
Per questa ragione e con questa premessa, nasce la rubrica “L’insostenibile leggerezza dell’essere” e come nella spiegazione letterale del titolo:“ il contrasto tra questa sfuggente evanescenza della vita e viceversa, la necessità umana di rintracciare in essa un significato, si risolve proprio in un paradosso insostenibile”.
Siate fonte per cui, del vostro paradosso, strepitando con il vostro inconscio e, cercando con le domande una risposta, che non avrete mai, se non nella consapevolezza del vostro parafrasarvi.
Io sarò la raccolta delle vostre domande ed insieme, saremo le risposte dei vostri pensieri, assecondando i dubbi, per trovare le ragioni, contraddicendo le ragioni, per “ascoltare” le illusioni.


Il miglior metodo per vivere nella realtà, sarà sempre continuare a sognare, perché la vita resta qualcosa che accade, mentre la stiamo pianificando e non c’è miglior soluzione che lottare per i propri sogni, per volare come Billy Eliot, leggero sulle ali del proprio sogno.
Osservare dal buco di una serratura guardinghi e solerti la realtà che ci “strozza”, mentre accanto a noi, muore qualcuno per strada, tra l’indifferenza della gente, quando camminiamo frettolosi verso il lavoro, senza sentir alcun rumore, se non la musica a tutto volume delle nostre cuffiette. Quando violentano l’innocenza di una bambina, il cui unico errore è credere nell’amore della propria famiglia, non giudicando l’invidia vicina; il mostro da combattere ed allontanare. O ancora, giudicare malati, coloro che amano il loro stesso sesso, mentre là fuori, la vera malattia rincorre le persone, senza che il progresso abbia trovato una vera univoca soluzione e il veleno che scorre nelle vene di questa gente, avvelena il mondo con l’ipocrisia e la falsità!


Siamo arbitri onesti del nostro vissuto, o servirebbe la moviola in campo, per scorgere la verità di tante omissioni a noi stessi?
Fuorigioco...
Fischio, palla al centro e che abbia inizio una nuova partita!

 

(A cura di: Francesca Maiuri )


 

<
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina
   
Powerd by Multimedia Web Service / management software integrated publication © 2011 Ver. 4.3
   
 
 
 
Il Settimo Senso news www.ilsettimosenso.info scrivi alla redazione Power on Accesso alle nostre rubriche