Il Settimo Senso news
Entry N°: 1144762
Last Access: 2019-03-22 03:45:16  
02/2014
Data di lettura dati Server: 22-03-2019 - 03:45:18
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
file audio: 659-Matia Bazar - Vacanze romane.mp3
   
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro
 
   
 
Elenco articoli pubblicati

Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
| entra |
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Natale di crisi
| entra |
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Bitcoin la moneta invisibile
| entra |
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Pannelli solari e pale eoliche
| entra |
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Un Pionierismo di nuova specie
| entra |
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Disorient Express di Cinzia Leone
| entra |
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Menu di Natale
| entra |
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
L'ortica in cucina
| entra |
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Virna Lisi
| entra |
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Pino Daniele è….
| entra |
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
| entra |
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Desidero un disco che racconti di me Intervista a Karima
| entra |
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
| entra |
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Il vernacolo, come fonte d'ispirazione teatrale Intervista a Simonetta De Leo
| entra |
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Parigi
| entra |
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Buon Natale
| entra |
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
ROMA - ULTIMA PARTE
| entra |
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Aspettando il Natale...
| entra |
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apiterapia e propoli
| entra |
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Elenco rubriche

| A spasso intorno a... |
| Angolo della fede |
| Appunti di Viaggio |
| ARTEFACTUM |
| Articolo di fondo |
| Attualità |
| Avvenimenti |
| Ciclopassione |
| Curiosità |
| Editoriale |
| Eventi |
| Gastronomia |
| Grandi Amori |
| I Miti del Cinema |
| I Miti della Canzone |
| Imparare elettronica |
| Intervista |
| La posta del cuore |
| Librarsi |
| Lo scrigno dei romanzi perduti |
| Misteri |
| Oroscopo |
| Pensieri e parole |
| Perle Italia |
| Pillole di letteratura |
| Poesie |
| Profili di citta |
| Racconti |
| Recensioni cinematografiche |
| Recensioni teatrali |
| Sanità e dintorni |
| Trekking |
| Ve lo dico in rima |

Elenco collaboratori

 

id: 659
Rubrica: I Miti del Cinema
Redattore: Nimue

Titolo: Greta Garbo

Nome d'arte di Greta Lovisa Gustafsson, nasce a Stoccolma il 18 settembre del 1905. E' stata un'attrice svedese fra le più celebri di tutti i tempi. Dotata d'indiscussa bravura, con il suo carisma e fascino misterioso fu soprannominata la Divina.
Figlia di Karl Alfred Gustafsson, netturbino e di Anna Lovisa Johansson, contadina d'origine lappone, fu una bimba dal carattere malinconico e piuttosto chiuso, che preferiva restare sola, appartata, a fantasticare, piuttosto che unirsi ai coetanei nel gioco; da grande confesserà che, pur considerandosi una bambina come tutte le altre, le capitava spesso di sentirsi un attimo prima molto felice e subito dopo molto depressa.

Ancora quindicenne, in seguito alla morte del padre, dovette abbandonare la scuola per contribuire al sostentamento della famiglia; si impiegò inizialmente in un negozio di barbiere, poi come commessa e saltuariamente come modella. Nell'estate del 1922 incontra il regista Erik Petschler e sarà proprio grazie a lui, che verrà introdotta nel mondo del cinema, recitando in piccole particine e successivamente in ruoli sempre più impegnati. In seguito ad un provino, conosce il regista Mauritz Stiller, che per lungo tempo diventerà suo pigmalione. Il look dell'attrice subisce nel frattempo dei progressivi mutamenti. Fuori dal set infatti, la ragazza ama vestire comodamente, in maniera molto informale e inventa, forse inconsapevolmente lo stile alla Garbo; decisamente androgino, con giacche di taglio maschile, pantaloni, camicia e cravatta.

Nel marzo del 1924 a Stoccolma viene presentato il film La saga di Gösta Berling: apprezzato dal pubblico, viene demolito dalla critica, ma Stiller decide di ripresentarlo a Berlino, dove registra un successo incondizionato. Successivamente, nella città tedesca, Greta fa conoscenza con il regista Georg Wilhelm Pabst, che le offre una parte nel film La via senza gioia: la pellicola si rivelerà un classico della cinematografia e servirà alla Garbo per lanciarsi verso un futuro hollywoodiano, con contratto alla MGM. Spesso infastidita dal clamore e dall'essere scontenta per i suoi primi film girati nel 1926, La tentatrice e Donna fatale, in cui ricopre parti di vamp, seducenti e distruttive, prive di scrupoli; ruoli che lei detestava. Dal 1927 al 1937 interpreta una ventina di film, sempre nel ruolo d'una seduttrice.

Greta dovrà aspettare quattro anni e interpretare ancora sette film muti prima di venire impiegata in un film sonoro. E allora, finalmente, in Anna Christie (1930), la Garbo parlerà per la prima volta in una pellicola e lo farà per chiedere al barista Jimmy «un whisky con ginger ale a parte. E non fare l'avaro!». I rotocalchi dell'epoca non mancarono di salutare in maniera entusiastica l'avvenimento, titolando a caratteri cubitali: "Garbo talks!", ovvero "la Garbo parla!". Sono molte le leggende cresciute insieme e attorno alla figura di Greta Garbo; molto si è detto sulle sue presunte tendenze sessuali, quasi impossibile immortalarla, se non solo di sfuggita, avvolta in un cappotto lungo fino ai piedi, grandi occhiali da sole, il capo avvolto in un'ampia sciarpa, mentre usciva di casa per recarsi a fare la spesa.
Molto chiacchierata a Hollywood fu la storia d'amore, o quanto meno di intensa amicizia, che la Garbo ebbe con l'attore americano John Gilbert, una delle più fulgide stelle del cinema muto.

L'attrice svedese, sebbene sinceramente legata a lui, non esitò a lasciarlo, quando questi le chiese di sposarlo; forse, indipendente ed autonoma, la Garbo non desiderava unirsi a nessuno. Sono emerse d'altra parte, fin da quegli anni, testimonianze circa la bisessualità della Garbo.
Con l'avvento del sonoro, la carriera cinematografica di Gilbert entrò in crisi: la sua voce non si rivelò adeguata alle pellicole parlate, ma la Garbo non lo abbandonò e nel 1933 lo impose come comprimario al regista Rouben Mamoulian, nel film La regina Cristina, che si rivelò un grande successo al botteghino.
Con il compositore Leopold Stokowsky l'attrice visse un'altra storia sentimentale, coronata da una romantica fuga d'amore a Ravello, sulla costiera amalfitana (1938).

Sul grande schermo, Greta Garbo è stata anche spia, regina del doppio gioco, assassina, aristocratica, moglie infedele, ammaliatrice e donna irresistibile, cortigiana e prostituta. Nel 1939 Ernst Lubitsch ne fece la protagonista di una commedia, Ninotchka (1939), in cui la diva dimostrava doti di attrice brillante e dove, per la prima volta sullo schermo, la si vedeva ridere.
Dopo il grande insuccesso ottenuto con l'interpretazione di Non tradirmi con me, del 1941, a soli 36 anni decide di ritirarsi dalle scene. Sfuggì sempre la notorietà: le sue ultime interviste, fra le poche rilasciate, risalgono al 1928.
Varie biografie confermano l'intensa relazione fra la Garbo e Mercedes de Acosta, poetessa statunitense di origine spagnola, considerata una delle 'pioniere' del lesbismo negli ambienti hollywoodiani, che amò anche Marlene Dietrich, la storica 'rivale' sullo schermo della Garbo.

Riservata fino all'eccesso, Greta non perdonò mai alla de Acosta di aver diffuso alla stampa informazioni sulla loro storia sentimentale e chiuse ogni rapporto con lei. In numerose lettere la poetessa implorò il suo perdono, ma l'attrice non cedette: la de Acosta morì sola e povera nel 1968, a New York. Greta Garbo stabilì la sua residenza a New York, in un lussuoso appartamento alle cui pareti erano appesi alcuni quadri di Renoir, uno fra i suoi pittori preferiti. Trascorse molto tempo a Taormina, ospite del dietologo delle dive Gailord Hauser, dando sfogo alla sua bisessualità che, in una città trasgressiva come Taormina, meta da due secoli di omosessuali famosi e non, non faceva notizia.
Nel 1950 la rivista Variety la nominò migliore attrice dei primi cinquant'anni del secolo; un premio Oscar alla carriera le fu conferito nel 1954. Come migliore attrice era stata candidata quattro volte dall'Academy Awards. Da allora fino alla morte, avvenuta al Medical Center di Manhattan nel giorno di Pasqua del 1990, condusse una vita assolutamente riservata.

La Garbo ormai apparteneva al mito e all'immaginario collettivo. Federico Fellini, parlando di lei, la definì una fata severa: in cuor suo era, la fondatrice d'un ordine religioso chiamato cinema.


Film muti/sonori

Luffar-Petter (1921), di Erik A. Petscheler
La saga di Gösta Berling (Gösta Berling Saga) (1924), di Mauritz Stiller
La via senza gioia (Die Freudlose gasse) (1925), di Georg Wilhelm Pabst
Il torrente (The Torrent) (1926) di Monta Bell
La tentatrice (The Temptress) (1926), di Fred Niblo
La carne e il diavolo (Flesh and the Devil) (1927), di Clarence Brown
Anna Karenina (Love) (1927), di Edmund Goulding
La divina (The Divine Woman) (1928), di Victor Sjöström - il film è andato perduto
La donna misteriosa (The Mysterious Lady) (1928), di Fred Niblo
Il destino (A Woman of Affairs) (1928), di Clarence Brown
Orchidea selvaggia (Wild Orchids) (1929), di Sidney Franklin
La donna che ama (The Single Standard) (1929), di John S. Robertson
Il bacio (The Kiss) (1929), di Jacques Feyder

Film sonori

Anna Christie 1930, di Clarence Brown esiste anche una versione in tedesco di Jacques Feyder
Romanzo (Romance) 1930, di Clarence Brown
La modella (Inspiration) 1931, di Clarence Brown
Cortigiana (Susan Lenox, her Fall and Rise) 1931, di Robert Z. Leonard
Mata Hari 1932, di George Fitzmaurice
Grand Hotel 1932, di Edmund Goulding
Come tu mi vuoi (As You Desire Me) 1932, di George Fitzmaurice
La Regina Cristina (Queen Cristina) 1933, di Rouben Mamoulian
Il velo dipinto (The Painted Veil) 1934, di Richard Boleslawski
Anna Karenina 1935, di Clarence Brown
Margherita Gauthier (Camille) 1937, di George Cukor
Maria Walewska (Conquest) 1937, di Clarence Brown
Ninotchka 1939, di Ernst Lubitsch
Non tradirmi con me (Two Faced Woman) 1941, di George Cukor



 

<
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina
   
Powerd by Multimedia Web Service / management software integrated publication © 2011 Ver. 4.3
   
 
 
 
Il Settimo Senso news www.ilsettimosenso.info scrivi alla redazione Power on Accesso alle nostre rubriche