Il Settimo Senso news
Entry N°: 1144684
Last Access: 2019-03-22 03:35:24  
02/2014
Data di lettura dati Server: 22-03-2019 - 03:35:29
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
file audio: 385-roll robot GM.mid
   
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro
 
   
 
Elenco articoli pubblicati

Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
| entra |
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Natale di crisi
| entra |
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Bitcoin la moneta invisibile
| entra |
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Pannelli solari e pale eoliche
| entra |
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Un Pionierismo di nuova specie
| entra |
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Disorient Express di Cinzia Leone
| entra |
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Menu di Natale
| entra |
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
L'ortica in cucina
| entra |
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Virna Lisi
| entra |
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Pino Daniele è….
| entra |
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
| entra |
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Desidero un disco che racconti di me Intervista a Karima
| entra |
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
| entra |
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Il vernacolo, come fonte d'ispirazione teatrale Intervista a Simonetta De Leo
| entra |
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Parigi
| entra |
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Buon Natale
| entra |
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
ROMA - ULTIMA PARTE
| entra |
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Aspettando il Natale...
| entra |
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apiterapia e propoli
| entra |
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Elenco rubriche

| A spasso intorno a... |
| Angolo della fede |
| Appunti di Viaggio |
| ARTEFACTUM |
| Articolo di fondo |
| Attualità |
| Avvenimenti |
| Ciclopassione |
| Curiosità |
| Editoriale |
| Eventi |
| Gastronomia |
| Grandi Amori |
| I Miti del Cinema |
| I Miti della Canzone |
| Imparare elettronica |
| Intervista |
| La posta del cuore |
| Librarsi |
| Lo scrigno dei romanzi perduti |
| Misteri |
| Oroscopo |
| Pensieri e parole |
| Perle Italia |
| Pillole di letteratura |
| Poesie |
| Profili di citta |
| Racconti |
| Recensioni cinematografiche |
| Recensioni teatrali |
| Sanità e dintorni |
| Trekking |
| Ve lo dico in rima |

Elenco collaboratori

 

id: 385
Rubrica: Artefactum
Redattore: Luca Magrini Cupido

Titolo: Intervista - Il Cyborg di Sterlac

Nuova pagina 1

Stelarc è un performer australiano, include tecnologie prostetiche nell’immagine di se stesso, arrivando a trapiantarsi un terzo braccio elettromeccanico, che è collegato al proprio sistema nervoso e ad un computer, tenta di ridisegnare il corpo secondo una concezione panplanetaria della fisiologia.
Utilizza, ad esempio, nella sua performance Body Sculpture, la tecnologia medica per arrivare a sondare l’interiorità del suo corpo attraverso una gastro-endoscopia, con finalità estetiche: mostrare la bellezza dell’interiorità umana. Evoca la figura di un corpo cavo, aperto a ricevere nuovi organi artificiali: ” Se potessimo costruire una pelle sintetica capace di assorbire ossigeno, direttamente attraverso i pori e di convertire efficacemente la luce in sostanze chimiche nutritive, potremmo radicalmente ridisegnare il corpo, eliminando molti dei suoi sistemi ridondanti, dei suoi organi mal funzionanti, minimizzando l’accumulazione delle tossine nella sua chimica. Il corpo vuoto sarebbe un miglior ricettacolo per i componenti tecnologici.”, per Stelarc il corpo non va più considerato come soggetto, ma come oggetto e non come oggetto di desiderio, ma come oggetto di riprogettazione. Modificare l’architettura del corpo significa adeguare ed estendere la sua consapevolezza del mondo, il corpo può essere amplificato ed accelerato fino alla velocità di fuga planetaria. Stelarc cioè sostiene che nel mondo dell’informazione, in cui ogni dato è disponibile immediatamente in ogni punto del pianeta, non si può continuare a progettare una tecnologia per il corpo, quando la tecnologia usurpa e surclassa il corpo in continuazione; Stelarc aggiunge, che il collegamento diretto macchina-cervello non è più solo un’immagine fantascientifica, ma una necessità reale. Robot, cyborg, corpo reso “postumano”. Un’area che fa leva (al di là dell’ondata di emozione davanti ai primi sconvolgenti risultati) sulle forti pulsioni a superare i limiti del corpo, a migliorarlo, perfezionarlo e renderlo non deperibile, immortale.






 

Dear Luca-
here are answers to your questions. hope these suffice....
best wishes-
stelarc.
1)In che senso il suo lavoro sulla terza mano e sul terzo orecchio potrebbe essere utile alla medicina e alla società?
Questi progetti potrebbero avere un uso medico. Non sono solo possibilità di ricerca scientifica, ma anche estetica. Esplorando la prostetica non come un sintomo di perdita, ma come un segno di eccesso.

2) Puo’ dirci qualcosa sulla bellezza interiore, organica, dell’essere umano?
Nelle mie performance sulla “stimolazione” e la “perlustrazione” del corpo, ho fatto esperienza della sua vulnerabilità e della sua vuotezza. Non è sulla bellezza che ho centrato il mio interesse, ma sul cancellare la pelle come necessaria frontiera fra l’interno e l’esterno. La pelle non sarà semplicemente un limite del sé, o l’inizio del mondo proprio. La tecnologia è la nuova membrana della nostra esistenza.

3)Che significato ha il concetto di corpo come scultura nella sua performance “corpo-scultura”(1993)?
Il tema della Scultura Triennale era un “lavoro specificatamente situato”. Così, invece di costruire una scultura per uno spazio pubblico, costruii una capsula (che si apre e si chiude, estendibile e retrattile, che avesse una luce lampeggiante e un suono intermittente), che potesse essere inserita per 40 cm nella cavità dello stomaco. Il corpo non come il luogo dell’anima, ma semplicemente come una scultura.

4)Secondo la sua opinione l’identità di un artista si afferma necessariamente in opposizione alla società?
Oh, è un gioco complesso di interazioni. L’identità si forma ,in gran parte, come costrutto sociale e culturale. Chi sei, non è solo a causa di qualcosa di interno, ma anche a causa del linguaggio, delle istituzioni sociali e del condizionamento culturale.


5) Pensa che il cyberbody potrebbe portare ad una concezione del sé e dell’identita’ libera e mutante?
La tecnologia ci permette di estendere le operazioni del corpo e la sua consapevolezza. Il corpo può ora essere attorializzato a distanza, oltre i suoi limiti biologici, oltre lo spazio locale che indossa.

6)Potrebbe essere che la dispersione del corpo nella rete (Web) porti ad un nuovo senso dell’identità in relazione alla sua performance “Ping Body”?
Il corpo rimane lo stesso, ma le sue operazioni sono estese, le sue possibilità moltiplicate, la sua comunicazione spinta in avanti ed intensificata.



 

7)I Problemi classici della filosofia: rapporto uomo- macchhina, reale-virtuale, interno-esterno, potrebbero essere risolti grazie a biomeccanismi ibridi (Cyborg)?
Non ha più senso fare distinzione fra uomo e macchina (se mai ne avesse avuto). Se il problema è esterno alla sua consapevolezza ed operatività, allora i nostri corpi sono sempre stati corpi prostetici, hanno sempre avuto rapporti stretti con la tecnologia.

8) Com'è cambiata la sua emotività e cosa l'ha portato a scegliere forme espressive estreme?
E’ difficile rispondere in qualsiasi senso oggettivo. Gli stati soggettivi sono descrizioni di comportamento.

9)Qual è, secondo il suo parere l’opera d’arte piu’ importante? E quale tipo di essere umano emerge dal suo lavoro?
9) Non ho una vera e propria opinione su questo. Io ho preso diletto nel fare esperienze artistiche di tutti i generi. Mi sono interessato alla storia dell’arte, le tecniche differenti, i media usati e le possibilità espressive dell’immaginazione medica, prosteticam robotica, sistemi di realtà virtuale e internet. Individui curiosi e creativi spero possano essere il risultato di queste attività.

10) La relazione fra corpo e tecnologia potrebbe essere duplice, da una parte invasione del corpo da parte della tecnologia, dall’altra parte la tecnologia, ne estende la sua consapevolezza del mondo?
Esattamente, è un’implosione (attraverso micro-miniaturizzazioni), che invade internamente il corpo e una proliferazione attraverso la moltiplicazione e la replicazione della tecnologia.



11) Vorrebbe dirci qualcosa sul suo prossimo lavoro?
Sto lavorando ad un progetto di Extra Ear. Sul mio sito web ci sono ulteriori informazioni. Mi sto anche interessando alla costruzione di un nuovo robot in grado di camminare, HEXAPOD , che possiede una macchina che aziona sei zampe e somiglia ad un insetto, camminerà come un cane con locomozione dinamica. Si possono osservare le immagini del modello più in basso.

12) E ora un’ultima domanda, cosa ricorda della sua infanzia?
Ho avuto un’infanzia normale e suppongo di aver sognato molto e di avere avuto sempre l’ambizione di essere un artista.


Luca Magrini Cupido
 

<
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina
   
Powerd by Multimedia Web Service / management software integrated publication © 2011 Ver. 4.3
   
 
 
 
Il Settimo Senso news www.ilsettimosenso.info scrivi alla redazione Power on Accesso alle nostre rubriche