Il Settimo Senso news
Entry N°: 1175838
Last Access: 2019-09-18 13:59:39  
02/2014
Data di lettura dati Server: 18-09-2019 - 13:59:44
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program
file audio:
   
 
Chiudi Finestra Vai a metà della pagina Vai a fondo pagina Torna Indietro
 
   
 
Elenco articoli pubblicati

Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
| entra |
Apre Articolo n° 957 / Titolo: Non guardo il mare solo con gli occhi, ma con il cuore Intervista a Rossella Baldino
Natale di crisi
| entra |
Apre Articolo n° 905 / Titolo: Natale di crisi
Bitcoin la moneta invisibile
| entra |
Apre Articolo n° 910 / Titolo: Bitcoin la moneta invisibile
Pannelli solari e pale eoliche
| entra |
Apre Articolo n° 938 / Titolo: Pannelli solari e pale eoliche
Un Pionierismo di nuova specie
| entra |
Apre Articolo n° 962 / Titolo: Un Pionierismo di nuova specie
Disorient Express di Cinzia Leone
| entra |
Apre Articolo n° 967 / Titolo: Disorient Express di Cinzia Leone
Menu di Natale
| entra |
Apre Articolo n° 771 / Titolo: Menu di Natale
L'ortica in cucina
| entra |
Apre Articolo n° 935 / Titolo: L
Virna Lisi
| entra |
Apre Articolo n° 950 / Titolo: Virna Lisi
Pino Daniele è….
| entra |
Apre Articolo n° 956 / Titolo: Pino  Daniele è….
Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
| entra |
Apre Articolo n° 812 / Titolo: Un viaggio nel mio profondo - Intervista ad Antonello De Sanctis
Desidero un disco che racconti di me Intervista a Karima
| entra |
Apre Articolo n° 829 / Titolo: Desidero un disco che racconti di me  Intervista a Karima
Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
| entra |
Apre Articolo n° 964 / Titolo: Il Fumetto è una forma di epressione immediata Intervista a Giuseppe Guida
Il vernacolo, come fonte d'ispirazione teatrale Intervista a Simonetta De Leo
| entra |
Apre Articolo n° 972 / Titolo: Il vernacolo, come fonte d
Parigi
| entra |
Apre Articolo n° 949 / Titolo: Parigi
Buon Natale
| entra |
Apre Articolo n° 973 / Titolo: Buon Natale
ROMA - ULTIMA PARTE
| entra |
Apre Articolo n° 955 / Titolo: ROMA - ULTIMA PARTE
Aspettando il Natale...
| entra |
Apre Articolo n° 841 / Titolo: Aspettando il Natale...
Apiterapia e propoli
| entra |
Apre Articolo n° 958 / Titolo: Apiterapia e propoli

Elenco rubriche

| A spasso intorno a... |
| Angolo della fede |
| Appunti di Viaggio |
| ARTEFACTUM |
| Articolo di fondo |
| Attualità |
| Avvenimenti |
| Ciclopassione |
| Curiosità |
| Editoriale |
| Eventi |
| Gastronomia |
| Grandi Amori |
| I Miti del Cinema |
| I Miti della Canzone |
| Imparare elettronica |
| Intervista |
| La posta del cuore |
| Librarsi |
| Lo scrigno dei romanzi perduti |
| Misteri |
| Oroscopo |
| Pensieri e parole |
| Perle Italia |
| Pillole di letteratura |
| Poesie |
| Profili di citta |
| Racconti |
| Recensioni cinematografiche |
| Recensioni teatrali |
| Sanità e dintorni |
| Trekking |
| Ve lo dico in rima |

Elenco collaboratori

 

id: 363
Rubrica: Pillole di letteratura
Redattore: Antonio Timoni

Titolo: CARLO PORTA


 

Carlo Porta, poeta italiano autore di opere in dialetto milanese, nacque a Milano il 15 giugno 1775 in una famiglia di salde tradizioni borghesi e subito dimostrò una predisposizione agli studi, benché il padre (la madre morì quando aveva solo 10 anni), piccolo funzionario imperiale, lo ostacolasse vedendo in lui un futuro da burocrate; studiò in un collegio di ex gesuiti a Monza e nel 1792 si iscrisse ad un corso di filosofia a Milano dove nello stesso anno pubblicò una raccolta di poesie e prose dal titolo “El lava piatt del Meneghin ch’è mort”. A causa della difficile situazione in cui si trovava l’Italia in quel tempo, avversata dalle continue intromissioni straniere, l’arrivo dei francesi a Milano, provocò gravi problemi nella sua famiglia, tanto che il padre perse il posto di lavoro ed un fratello fu costretto a fuggire a Venezia. Nel 1798 anche Carlo Porta raggiunse la città lagunare dove abitò per circa un anno fin quando, tornati gli austriaci in Lombardia, non tornò a Milano lavorando all’Intendenza di Finanza; purtroppo l’Italia continuava ad essere una terra di conquista e tornati di nuovo i francesi nella città lombarda, lo scrittore perse il posto e per vivere iniziò a fare l’attore comico, finché non conobbe e sposò una ricca vedova. Frequentò così gli ambienti culturali di Milano e nella sua nuova casa di via Montenapoleone ospitò letterati del calibro di G.Berchet, E. Visconti, T. Grossi e G. Torti, che presto sarebbero stati in prima linea nella polemica sul romanticismo e che in quelle occasioni discutevano sulle loro idee ed esperienze intellettuali.
L’attività poetica vera e propria di Porta fu preceduta da un rigoroso apprendistato, evidente nelle traduzioni in dialetto milanese di alcune opere di illustri scrittori.
I suoi grandi componimenti poetici a volte allegri e irriverenti, a volte amari e pungenti, si configurano in “One vision” (1812), “On Miracol” (1813-14), “La preghiera” (1819-20), “Le desgrazzi de Giovannin Bongée e Olter desgrazzi de Giovannin Bongée” (1812-13), “La Ninetta del Verzée” (1814), “El lament de Marchionn di gamb avert” (1816) e ancora “I paroll d’on lenguagg” (1810) in difesa del dialetto e “Il romanticismo” a favore della nuova scuola. Gli ultimi scritti rappresentano senza dubbio il vertice della poesia di Porta, interrotta bruscamente dalla sua morte il 5 gennaio 1821; resterà incompiuto l’ultimo lavoro “La guerra di pret”, galleria di gustosi ritratti, che il Grossi cercherà invano di proseguire e completare. L’opera poetica di Carlo Porta muove da un’educazione illuministica e approda a posizioni sostanzialmente romantiche, riflettendo l’evoluzione dello spirito italiano nel travagliato periodo storico che precedette l’era delle cospirazioni e dei moti nazionali d’indipendenza.
Il poeta propone spesso al centro delle proprie rappresentazioni personaggi umili, denunciando il mal costume nella vita pubblica e le assurdità dell’ingiustizia sociale. Ammirato da Foscolo, Manzoni e Stendhal, nel secolo scorso Porta ebbe tuttavia una fortuna poco più che limitata, dovuta alla difficoltà del dialetto milanese e dalla pura di carattere moralistico. E’ solamente nel nostro secolo che alla sua poesia, è stato attribuito un ruolo importante nella letteratura italiana e il riconoscimento da parte dei critici del suo straordinario lavoro sulla scrittura e sul verso.














 

=;
Nome: 363-ritratto di Carlo Porta.jpg - Ingrandisci
Carlo Porta
Nome: 363-statua dedicata a Carlo Porta a Milano.jpg - Ingrandisci
statua dedicata a Carlo Porta a Milano
Nome: 363-TitoloPorta.jpg - Ingrandisci
Home page Il Settimo Senso portale Giornale / Il Settimo Senso news Accesso Area Riservata Redattori Il Settimo Senso news Web Mail Program Chiudi Finestra Torna al top della pagina
   
Powerd by Multimedia Web Service / management software integrated publication © 2011 Ver. 4.3
   
 
 
 
Il Settimo Senso news www.ilsettimosenso.info scrivi alla redazione Power on Accesso alle nostre rubriche